La visita a casa del Dr. G.

D. ed io facciamo una visita al dr.G. Avvicinati al suo palazzo sembra essere arrivati davanti ad un negozio dentro ad un centro commerciale. L’unica differenza è che l’entrata ha un portone normale simile a quella di un condominio. Davanti casa sua vi è tanta gente che va in giro. Il dr. G. con la moglie , una signora alta e bionda, ci accoglie con un gran sorriso e ci fa accomodare dentro casa.

Entriamo e subito noto come la stanza sia piena di scaffali e cristalliere con molti oggetti, molti di questi antichi. Il dr. G. mi invita a scendere e vedere il piano inferiore così seguendomi mette una mano sul mio capo e iniziamo a scendere. Non scendiamo però lungo le scale, ma andiamo sopra un grosso geode di cristallo con molte facce e dal cui centro si irradiava una forte luce.

Nella discesa al piano inferiore noto che il tetto è ricoperto di specchi e vetri contenenti altri oggetti, tamburi, libri antichi, oggetti di cui non conosco ne l’origine ne il possibile uso, testimoni però di una conoscenza ancestrale ma ignota. Aspetto che scendano anche D. con la signora.

Eccoci al piano seminterrato. Una stanza molto simile alla prima ma con un vecchio tavolo ed una sedia al centro, sopra di essi una serie di catene, ed altri oggetti di ferro… La visita della casa continua e vedo girandomi con lo sguardo un balcone che dava su un esterno illuminato a giorno. Tuttavia il dr. G. mi invita a vedere un altra parte della stanza così vengo distolto da quel balcone… Mi affaccio così da un altro balcone e vedo un enorme mappamondo che pian piano modifica la sua forma: da sfera a piramide.

…Mi ritrovo da un altra parte con delle persone a guardare in una TV a tubo catodico di quelle con l’antennina e lo schermo bombato. Guardiamo e qualcuno commenta le immagini della sedia e del tavolo viste nella prima parte del sogno.

Dondolando

Lunga stanza un po’ buia, come se fossimo in un seminterrato e la luce obliqua cala dall’alto, dalla strada attraverso finestre/feritoie con inferriate: io e mia moglie seduti su vecchie sedie a dondolo di vimini (proprio come quella che ho a casa, ereditata da mia moglie dalla “dote” di sua nonna). Su altre due sedie identiche ci sono Giuliano Ferrara e la moglie Anselma Dall’Oglio che litigano ma amabilmente, infatti lo fanno continuando a dondolare con la sedia tipo altalena. Litigano e si beccano ma in realtà tubano, ammiccando a noi due cercando consensi e complicità. Tutto molto lieve e solare, pur sempre nello scantinato.

PS: nella realtà dei fatti, i due suddetti, Ferrara and his wife, sono stati ospiti più volte nel nostro salone (in cui spicca al centro la sedia a dondolo) e quasi sempre hanno accennato a piccoli litigi e schermaglie “amorose”… un sogno quindi che è quasi una continuazione della realtà.

La lezione di storia

Mi trovo nell’ingresso del palazzo di casa dei miei genitori. Ci sono i banchi e le sedie di quando andavo al Liceo. Sto seguendo una lezione di Storia. Sono consapevole di non aver studiato nulla e aspetto con ansia la ricreazione. Dopo il suono della campanella tutti i miei compagni escono velocemente dal portone o salgono ai piani superiori del palazzo. Rimango da solo nella classe/ingresso convinto che il professore sia intenzionato ad interrogarmi nonostante l’ora sia finita.