L’esagono di calcio

Sono a Londra in un piccolo market aperto 24 ore su24.

A farmi da guida c’è una persona di origine orientale che per molti anni ha vissuto a Londra per motivi di lavoro.

Acquistiamo varie cose. Tra queste del parmigiano grattugiato. La commessa del negozio ci spiega che sarà impossibile pesare adeguatamente il formaggio a causa della bilancia di precisione rotta ormai da giorni. Ci invita a verificare il malfunzionamento e a trovare un accordo sul presunto prezzo. Dopo una breve trattativa decidiamo per un prezzo equo che si aggira intorno all’euro e cinquanta cent.

Il mio accompagnatore chiede alla commessa dove trovare un locale nel quale bere, ballare e divertirsi un po’. La signorina ci mostra una cartina appoggiata dietro al bancone nella quale il mio accompagnatore individua alcuni punti per lui fondamentali per un rapido ed efficace orientamento. Individua quindi sei punti, corrispondenti ad altrettanti stadi di calcio, tracciando poi un perimetro ideale a forma di esagono sopra la cartina mostrataci dalla gentile commessa.

L’amica di famiglia

Sono su un ciglio di una strada a due corsie strette, mi trovo sul marciapiede. Da lontano arriva velocemente un suv che quasi mi travolge, mi passa accanto a tutta velocità e mi manca per un pelo.

Mia madre mi dice che si tratta di O. un’amica di famiglia, che sterza e parcheggia dentro un grande giardino. Io comincio ad andare in escandescenza, in quanto non è la prima volta che O. rischia di investirmi, così prendo coraggio e decido di andare a parlare con la sua famiglia.

Giro nella stessa direzione del suv e mi ritrovo in un grande giardino di un castello. Entro nel castello e incontro la suocera di O. che nella vita conosco molto bene, la signora M. Spiego con tono seccato come stanno le cose, mentre M. mi guarda come se fosse incantata dalle mie parole. Ad un certo punto accorgendomi di tale dedizione, abbasso i toni e giustifico il comportamento di O. dicendo che forse ha perso la vista e che dovrebbe mettere gli occhiali mentre guida.

A questo punto gli occhi di M. si riempiono di lacrime e mi invita ad uscire dal castello. Di fronte a tale reazione accetto di uscire e mi fanno accompagnare da un ragazzo di bella presenza. Comincio ad entrare ed uscire da un infinito numero di stanze, scendo infinite rampe di scale, fino ad arrivare in una stanza con una tenda rossa, dove questo ragazzo (che nella vita non conosco), si gira verso di me e comincia a dirmi delle frasi dolcissime, io in realtà non comprendo le parole esatte, ma ringrazio e sorrido.

Torno in questo grande giardino.

Un giorno per caso…

..mi trovo in automobile con mia zia, mia cugina e mia madre… alla guida mia zia… stiamo percorrendo una strada che costeggia il mare… è un posto bello e del quale non ho memoria, nonostante nel sogno sia consapevole di essere in una località marittima familiare…. durante il tragitto mia zia mi dice che si sta dirigendo verso una piccola Chiesa, poichè vuole mostrarcela…

…proseguiamo il tragitto, il sole è alto ed il cielo è azzurro ma non fa troppo caldo…

…giungiamo in un parco… ci sono alberi da frutto, tanti… iniziamo a camminare sino a giungere davanti alla piccola Chiesa, la costruzione sorge su un prato… è celeste, ed è molto, molto semplice…

…usciamo dalla piccola Chiesa e notiamo un capannone molto grande poco distante… ci avviciniamo…

…entriamo e ci rendiamo conto che in quel capannone si sta per celebrare il matrimonio di una cara amica di famiglia…

Io e mia cugina iniziamo a sistemare i fiori, l’altare… e poi iniziamo a preparare il rinfresco… c’è una cucina, quasi indutriale per la grandezza e l’attrezzatura… mi infilo il grembiule e inizio a preparare dolci, di tutti i tipi… biscotti, torte, cioccolatini e creme…

…ad un certo punto notiamo che le persone iniziano a disporsi ai lati dell’altare… ho la sensazione che la sposa stia arrivando… avverto mia cugina e ci avviciniamo anche noi all’altare, dalla parte della sposa… mia zia ci fa notare che lo sposo ha pochissimi invitiati rispetto allo sposa, il suo lato, infatti, è quasi vuoto… allora chiedo alle persone di disporsi ai due lati dell’altare in modo bilanciato…

…finalmente si aprono le porte del capannone… una grande luce… e poi, al posto della sposa, entra mia madre… con un grande mazzo di fiori…. cammina sino all’altare… sistema i fiori in un vaso, si mette dietro l’altare… sorride e dice: “Possiamo iniziare… che entrino gli sposi… ed io inizierò la celebrazone del loro matrimonio!!!”

La pizza rossa

mi trovo con i miei cugini V e L in una soffitta di un palazzo a me sconosciuto… V mi fa da guida e mi porta a visitare tutte le stanze della casa…la stanza delle rose, la stanza delle barche, insomma attaccato ai muri ci sono dei quadri a tema, nella prima disegni di rose rosa e nella seconda delle stampe di velieri, V mi dice di guardare attentamente i quadri appesi e mi chiede se li riconosco, erano di nostro nonno, stavano nella sua vecchia casa bianca al mare, ma io non li riconosco per niente, per me sono del tutto nuovi, insomma non mi ricordo di averli mai visti in passato…eppure V insiste e mi dice che non è possibile… decido di uscire dalla stanza con i velieri e scendo una lunga e larga scala di travertino, simile a quella del palazzo delle esposizioni di Roma, ed ecco che vedo mio cugino L seduto che mangia un pezzo di pizza rossa, quella del fornaio, bassa, croccante, buona…allora decido di prendere dalla mia borsa a tracolla la mia, la tiro fuori e comincio a mangiare la mia pizza rossa del fornaio insieme a lui…